facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plusrss2

LIQUORE DI GELSI E QUALCHE RICORDO D'INFANZIA

liquore gelsi titolo

Per il mio rientro qui sulla piattaforma DE GUSTIBUS ITINERA, dopo una lunghissima pausa, ho deciso di portare un po’ di estate e un po’ di ricordi, con un delizioso, piccolo frutto legato alla mia infanzia, approfittando della GIORNATA NAZIONALE DEI LIQUORI sul CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO.

Già, perché l’albero di gelsi lo ricordo da sempre, e sempre con le stesse dimensioni, davanti alla casa di campagna di Jelsi, in Molise. Troneggia in mezzo a quello che una volta era un pollaio, avvinghiato nel suo tronco scuro, nodoso e contorto, con rami che formano un grande ombrello verde in primavera, che si tinge a pois dalla fine di giugno fino ad agosto.

liquore gelsi centrale1

liquore gelsi centrale2

Non solo noi godevamo per oltre un mese dei gelsi neri squisiti e irresistibili, anche polli e galline beccavano ghiottamente i frutti che cadevano. Il vecchio albero è attorniato da secolari querce, ma, a differenza di queste, il gelso è rimasto di dimensioni ridotte, nonostante la sua età.

liquore gelsi centrale3

I piccoli puntini delle more di gelso sono di un viola intenso tendente al nero, dolcissimi e aspri nel contempo, di un gusto particolare e inconfondibile. Sono ben più succosi delle more di rovo, il loro succo si attacca immediatamente alla pelle e agli abiti, difficile da rimuovere. Merito degli antociani e del resveratrolo, potenti antiossidanti, legati proprio ai pigmenti viola e blu in frutta e verdura. Un motivo in più per non rinunciarci nonostante l'inconveniente delle macchie: quando mi trovo sotto l’albero carico di frutti, non posso fare a meno di coglierne alcuni e di conseguenza mi riempio di chiazze viola. Sembro uscita da un film horror!

liquore gelsi centrale

Cogliere questi piccoli frutti senza sporcarsi è praticamente impossibile, bisogna attrezzarsi con abiti vecchi e piccole forbici per tagliarli dal picciolo. Un lavoro lungo e di grande pazienza. Ma quest’anno mi sono organizzata anche con l’aiuto di Anastasia, la mia cara amica che vive a Jelsi. In quasi tre ore abbiamo colto poco più di un chilo di gelsi, ma abbiamo goduto della compagnia reciproca e abbiamo piacevolmente scambiato un po’ di chiacchiere.

Per la prima volta in tanti anni ho provato il liquore di gelsi, che qui vi propongo.

Ho letto tante ricette e procedure, poi mi sono regolata con una mia calibratura, leggermente diversa dalle altre.

banner calendario

LIQUORE DI GELSI

Gelsi 600 g

Zucchero 300 g + 300 g

Acqua 800 g

Alcol 600 g

liquore gelsi titolo1

Lavate e asciugate i gelsi tamponandoli delicatamente. Versateli in un barattolo con i primi 300 grammi di zucchero, chiudete il barattolo ed esponetelo al sole per 3 o 4 giorni. Lo zucchero dovrà sciogliersi perfettamente e formare uno sciroppo.

A questo punto aggiungete l’alcol e riponete il barattolo al buio per 20 giorni.

Trascorso questo tempo preparate uno sciroppo con l’acqua e la seconda parte dello zucchero: portate l’acqua a ebollizione, spegnete e aggiungete lo zucchero, che dovrà sciogliersi perfettamente.

Lasciate raffreddare completamente lo sciroppo. Nel frattempo filtrate con un telo fitto, oppure con della carta resistente, la soluzione alcolica di gelsi, premendo i frutti affinché esca tutto l’alcol.

Unite lo sciroppo, mescolate bene e imbottigliate il liquore in bottiglie pulite e perfettamente asciutte, filtrandolo ancora una volta.

Conservate il liquore in un luogo fresco e buio almeno un mese prima di consumarlo.

Non buttate via i gelsi, potete preparare un ottimo vino da dessert facendoli macerare per una ventina di giorni in 750 g di vino bianco dal gusto delicato (io ho usato una falanghina). Trascorsi i venti giorni, filtrate e conservate in frigorifero.

liquore gelsi fondo1

Commenti   

0 # fausta lavagna 2017-08-19 15:56
eccolo dunque il tuo liquore... e anche il tuo podere! sono entrambi bellissimi!!! Pensa che io beneficio dei gelsi della mia vicina, ma ad Imperia li hanno piantati anche nei parcheggi vicino al mare, così chi vuole farsi un tuffo si può anche corroborare cogliendo e mangiando questi frutti pieni, come fai notare tu, di ottime qualità. Come ti dicevo per me ormai è tardi, di gelsi non c'è più neanche "il ricordo", ma l'anno prossimo questo liquore sarà mio. Ci puoi scommettere! Foto meravigliose :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-08-24 11:15
E' una splendida idea piantare gelsi nei luoghi pubblici, evidentemente Imperia è una città a misura d'uomo e ben amministrata.
Ti sono immensamente grata per l'apprezzamento sulle foto, hai visto, il tuo incoraggiamento funziona! Sto iniziando il lungo cammino della fotografia, sono ancora molto impacciata, soprattutto tecnicamente.
Grazie davvero amica mia!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

Instagram

FACEBOOK

Corsi

IMG 20170206 WA0000

Programmi e TV

GOOGLE +

Google+ Seguimi su Google +

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.