facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plusrss2

PANE UNGHERESE DELLE FESTE/HUNGARIAN BREAD RING

titolo

E questa è la mia prima prova di quello che Hamelman nel suo libro chiama HUNGARIAN BREAD RING, un pane tradizionale ungherese che si ottiene con un particolare intreccio. Io l'ho voluto interpretare un po' a modo mio, divertendomi a decorarlo con rametti fioriti e farfalle. L'impasto è lo stesso delle challah, presenti qui nel blog, ma possiamo rivedere insieme la ricetta.

Le foto qui sotto rappresentano il libro di Hamelman di cui ho già parlato nell'articolo precedente. Segue la ricetta.

 

This is my first trial of Hamelman's HUNGARIAN BREAD RING, learned on his book. It's a traditional hungarian bread, characterized by a typical interlaced shaping.

I amused myself to decorate it with flowering branches and butterflies.

The dough is the same of the challah, that you can find here in my blog. Let's look over the recipe again.

 

librolibro1libro2

 

Ingredienti

670 gr di farina tipo 0

330 gr di farina di forza (tipo manitoba o 350w)

80 gr di zucchero

75 gr di tuorli

140 gr di uova intere

75 gr di olio vegetale

320 gr di acqua

19 gr di sale

30 gr di lievito di birra fresco

Ingredients

670 grams of bread flour

330g high-gluten  flour (type manitoba or 350w )

80 grams of sugar 

75 grams of egg yolks 

140 grams of whole eggs

75 grams of vegetable oil

320 grams of water

19 grams of salt

30 grams of fresh yeast

Il procedimento è lo stesso, ma con queste dosi si potrà ottenere un pane ungherese e una challah, oppure due pani ungheresi.

The procedure is the same of the challah, with these doses it's possible to make one challah and one bread ring, or two bread rings.

centrale

 

Collocare tutti gli ingredienti nella vasca dell’impastatrice a spirale. Mescolare a velocità 1 per 3 minuti finchè tutti gli ingredienti siano ben incorporati, poi a velocità 2 per circa 5 minuti.

La temperatura ottimale dell’impasto è tra i 25,5° e i 26,5°.

Far fermentare la massa per 2 ore.

L’impasto può anche lievitare per tutta la notte.  In questo caso abbassare la temperatura dell’impasto a 23,8° e, dopo un’ora, sgonfiare l’impasto, coprire con pellicola e porre in frigo. Sgonfiare ancora due volte dopo qualche ora. La temperatura bassa dell’impasto agevola la formatura dei fili. 

L’impasto può essere stagliato e formato subito dopo essere uscito dal frigo.

Non è necessario fare pieghe.

Dividere l’impasto in 6 pezzi da 75 grammi e un pezzo da 350 grammi.

Preformare delle palline o cilindri e far riposare sulla tavola infarinata, coperti da plastica.

Dopo 10 o 15 minuti allungare i fili e formare la ruota di pane seguendo come compare dalle foto.

Coprire con panno di lino a contatto, e con plastica sopra il panno. L’umidità ideale è quella che previene la formazione della pellicola superficiale e nello stesso tempo non permette l’attaccamento dei fili l’un con l’altro.

 

Place all the ingredients in the mixing bowl with spiral . Mix on first speed for 3 minutes until all ingredients are well incorporated , then continue on second speed for about 5 minutes .

The optimum temperature of the mixture is between 78°F (25.5 °C) and 80°F (26.5°C). 

Let ferment the mass for 2 hours. 

The dough can also rise for the whole night. In this case, lower the temperature to75°F (23.8 °C) and, after an hour, deflate the dough, cover with a plastic wrap and place it in the fridge . Deflate twice more after a few hours. The low temperature of the mixture facilitates the forming of the strands.

The dough can be divided and shaped immediately after getting out of the fridge.

It isn’t necessary to make the folds .

Divide the dough in six pieces of 75 grams and one piece of 350 grams.

Preshape  into balls or cylinders and let rest on a floured board , covered with plastic.

After 10 or 15 minutes stretch the strands and make the bread ring as the pictures show .

Cover with a linen cloth in contact, and  with plastic over the cloth. The ideal humidity is the one that prevents the formation of a skin, and at the same time doesn’t allow the attachment of the strands with another one .

crudocrudo1crudo2crudo3crudo4crudo5

Far lievitare ancora un’ora e mezza o due al massimo, ad una temperatura di 24.5°.

Prima di infornare, spennellare la superficie con uovo, e a piacimento cospargere con semi di papavero o sesamo, oppure decorare con l'impasto adatto, la cui ricetta troverete qui.

Cuocere senza vapore  a 195-190°. Il tempo di cottura è circa mezz'ora.

Note mie: ho sostituito il lievito di birra con lievito madre idratato al 100%, usando 230 gr di lievito, sottraendo alla ricetta 100 gr di farina e 100 di acqua.

Ho usato olio extravergine d’oliva, nonostante la forte aromaticità rispetto ad un qualsiasi altro olio vegetale. A me piace molto percepire il suo retrogusto amarognolo all’assaggio.

Ho utilizzato un po’ meno sale, circa 15 grammi.

 

Let rise for another hour and a half, or two at the most, at a temperature of 76°F (24.5 ° C).

Before baking , brush the surface with egg wash and decorate with the proper dough, that you can find here.

Bake without steam at 380°F (195-190 °C) . The baking time is about half an hour.

My Notes: I replaced the yeast with sourdough hydrated at 100%, using 230 grams of sourdough, subtracting from the recipe 100 grams of flour and 100 of water.

I used extra virgin olive oil, despite its stronger aroma than any other vegetable oil. I really like to feel its bitter aftertaste.

I used a little less salt , about 15 grams.

 

Anche questo pane partecipa alla raccolta dei PANI ETNICI, curata da Sandra nel suo blog Sono io, Sandra

VZBo8LV

fondofondo1

 

 

Commenti   

0 # Donatella 2014-02-03 08:30
Già ti ho fatto i complimenti per questo meraviglioso pane, adoro le forme del pane e questa non solo è stupenda ma veramente unica nel suo genere!!!
Grazie per averla condivisa!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2014-02-03 21:20
Grazie a te cara Donatella, di decori te ne intendi, quindi apprezzo molto le tue parole!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Susanna 2014-02-03 16:11
Ti faccio i miei complimenti anche qui e grazie per il passo passo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2014-02-03 21:21
Grazie a te Susanna per l'interesse, e anche per aver lasciato il tuo commento :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Lou 2014-02-03 18:10
Cara Maria Teresa,
che dire?
Al solito ciò che passa dalle tue mani si trasforma in oro.
Anche io ho acquisito il libro di Hamelman (speciale richiesta natalizia ;) ) e sto cercando di studiarlo nei momenti liberi.
Ancora non mi son avventurata nelle ricette ma che voglia dopo questi tuoi fantastici post.
Non puoi che continuare così, instancabile e super creativa.
Un abbraccio sincero
Lou
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2014-02-03 21:28
Sei sempre gentilissima, le tue parole mi riempiono di orgoglio!!! Confesso che devo ancora approfondire la prima parte del libro, sono passata direttamente all'ultima, che per me è la più divertente :) grazie per il tuo commento!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Terry 2014-02-04 08:57
E' meraviglioso!! Più lo guardo e più me ne rendo conto. Sei stata bravissima Maria Teresa ;)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2014-02-04 18:09
Grazie Terry, anche tu sei bravissima e gentilissima!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # ritamocci@libero.it 2014-02-05 13:34
brava è poco ! Questa è arte !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2014-02-06 01:16
Rita sei gentilissima!!! Sono contenta che il mio lavoro piaccia ad un'intenditrice quale tu sei :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Lucia 2014-06-23 00:12
Bellissimo, sei un'artista del pane!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2015-01-14 22:15
grazie Lucia, gentilissima!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Caterina 2015-01-14 09:14
Questo pane è un merletto di Burano!!!!! Bravissima hai una manualità e fantasia da invidiare un grosso saluto Caterina da Venezia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2015-01-14 22:18
Grazie Caterina, il paragone con i preziosissimi e famosissimi pizzi di Burano è per me un complimento fantastico!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

Tag

Instagram

FACEBOOK

Corsi

IMG 20170206 WA0000

Programmi e TV

GOOGLE +

Google+ Seguimi su Google +

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.