TORTA SALATA DECORATA

torta salata decorata

Quando ero piccola mi piaceva molto giocare con la creta e con la plastilina. Già, noi bambini degli anni ’60 non avevamo tablet e playstation, al massimo la tv dei ragazzi, entro determinate fasce orarie. I nostri giochi erano molto basati sulla manualità e creatività, e anche l’industria del giocattolo faceva la sua parte, producendo appositamente materiali plasmabili adatti all’uopo.

Ricordo che un anno modellai pastorelli e animaletti per il presepe, e i miei genitori ne furono molto orgogliosi, mostrandoli ad amici e parenti.

Anche se col tempo la mia manualità non ha avuto modo di mantenersi allenata, quando mi trovo gli impasti sotto le mani spesso mi vien voglia di riprovare. Così è stato per molte forme di pani che ho pubblicato qui nel mio blog, altri esperimenti sono sparsi in facebook ed instagram… e altri ancora non sono pubblicati da nessuna parte per il semplice fatto che il “prodotto” è stato consumato prima di essere fotografato!

torta salata decorata 1

Stavolta si tratta di un impasto senza lievito, la pâte a foncer che mi è servita per preparare una torta salata, di quelle che faccio di tanto in tanto per usare ingredienti in scadenza o avanzati. Le torte salate sono utilissimi svuotafrigo, e sono sempre gustose e gradite a tutti. Stavolta l’ho anche decorata, e poiché vi è piaciuta tantissimo, ho deciso di pubblicarla.

Di solito uso la pasta matta per le torte salate, all’olio d’oliva, sicuramente più leggera delle varie paste sfoglia o brisée. Stavolta ho voluto cambiare impasto, ogni tanto si può optare per qualcosa di più grasso e sostanzioso.

La pâte a foncer si presta bene ad essere manipolata, richiede solo un ambiente fresco, per l’alta percentuale di burro. Un altro pregio è che non si deforma in cottura.

Dopo aver fatto la torta, completamente coperta di pasta tranne un piccolo foro a forma di fiore, che funge da sfiatatoio, ho modellato dei fiori con stampini per pasta di zucchero, e foglie a mano libera. Un piccolo accorgimento è quello di spennellare con uovo sbattuto la superficie, prima di applicare i decori: in questo modo i decori si attaccheranno subito, resteranno meno lucidi e meno colorati, e risalteranno meglio.

torta salata decorata 2

Ecco la ricetta della pâte a foncer per una tortiera del diametro di 28-30 cm:

500 g di farina

220 g di burro freddo

80 g di acqua fredda

2 uova

Un cucchiaio di miele millefiori

Una presa di sale

Si impasta sia in planetaria, sia a mano, l'importante è lavorare velocemente gli ingredienti freddi, e far riposare l'impasto almeno un paio d'ore in frigorifero. Meglio ancora prepararla il giorno prima. Con questa quantità di impasto si possono fare anche due torte più piccole, io ho fatto questa grande e mi è avanzato un pezzetto di pasta.

torta salata decorata1torta salata decorata2torta salata decorata3

Per il ripieno ho proceduto senza pesare nulla: avevo un paio d’etti di ricotta, qualche fetta di speck, del parmigiano, un po’ di erbette selvatiche miste già cotte. Le ho ripassate in padella con aglio, olio, peperoncino e qualche olivetta, le ho fatte raffreddare, poi le ho tagliuzzate. Ho amalgamato tutto con due uova.

In questo blog potete trovare altri tipi di ripieno, per esempio quello dello strudel salato alla zucca e della torta salata di hummus e zucca, oppure i due ripieni della treccia di brioche, o ancora della torta pasqualina. Potete sbizzarrirvi con la fantasia.

Commenti   

# Tiziana 2020-06-02 21:04
Ciao Maria Teresa,
questa torta è molto scenografica e bella. Te l'ho già detto, vero? ;)
Un caro saluto,
Tiziana
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2020-06-03 19:54
Ciao Tiziana sei sempre carina con me e ti ringrazio!
A presto, un abbraccio!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.