PICCOLI SCRIGNI DI PANE RIPIENI DI VERDURE

scrigni montana titolo

Questi piccoli panini ripieni sono nati dall'esigenza di uno spuntino veloce e leggero, di cui spesso ho necessità quando rimango a lavorare tutta la giornata.

In effetti vanno benissimo anche tra le preparazioni da inserire nel cestino da pic nic, per la Pasquetta o per altre occasioni, per le belle scampagnate che si programmano in vista dell'estate.

Anche stavolta ho utilizzato una farina del Molino Grassi, la "montana", ottenuta da un mix di grani canadesi, farro spelta e segale. L'abbinamento con un ripieno rustico, broccoletti, parmigiano, uovo e mortadella, e la copertura finale con semi, rendono questi piccoli scrigni di pane molto stuzzicanti e gustosi, e nello stesso tempo nutrienti e leggeri.

scrigni montana fondo

TARALLI SEMINTEGRALI CON SEGALE E SEMI DI FINOCCHIO

tarallititolo

Questi profumati e gustosi taralli sono molto comuni in Italia meridionale, e anche nella mia regione, il Molise. I più tipici sono i taralli all'olio venafrani, di Venafro, una cittadina molisana ai confini con la Campania. Vi si produce dell'ottimo olio extravergine.

Spesso impasto questi taralli, seguendo la ricetta più comune, ma qui ve li propongo in una versione leggermente modificata, che gioca sull'abbinamento segale-lievito di segale-semi di finocchio selvatico. Vediamo la ricetta.

tarallititolo1

CASATIELLO INNOVATIVO

titolo

E anche quest’anno è arrivata la Pasqua!

Per me è la più importante festa religiosa, ma anche un evento legato alla primavera, i profumi dei fiori, le scampagnate in comitiva, le passeggiate all’aria aperta, quando ci si lascia accarezzare dai tiepidi raggi di sole e ci si immerge nel vento carico di inebrianti essenze.

E’ un periodo scandito da una ritualità sacra e profana, e, nonostante il tempo passi,  sento vivo lo stesso desiderio di compiere gli stessi gesti, di vivere le stesse emozioni, di preparare gli stessi cibi, da condividere con chi amo.

Ed ecco anche quest’anno, tra le varie preparazioni tradizionali, il casatiello, adatto in particolare alla scampagnata della Pasquetta.

Quest’anno ho provato una versione più leggera di quella tradizionale che prevede l’uso della sugna e potete trovare qui nel mio blog. Ho invece utilizzato olio extravergine, farina di farro, ed ho aggiunto un uovo alla ricetta, e il prefermento con sola farina di farro, per migliorare la sofficità della mollica. Una versione sicuramente più leggera adatta a tutti i palati.

Vediamo ora la ricetta.

titolobis

 

GRISSINI E FIORELLINI DI PANE

fiori cotti titolo

Mi capita spesso di fare crackers e grissini con il lievito madre, è un impasto semplice e veloce, e inoltre ho la necessità di utilizzare il lievito in esubero che mi invade il frigo, e non mi piace buttar via.

Per la realizzazione di questi grissini e fiorellini di pane sono partita stavolta da una ricetta base del libro di Jeffry Hamelman, “Bread, a baker’s book of techniques and recipes”, che prevede una percentuale di grassi maggiore rispetto a quella da me utilizzata normalmente. Ho leggermente variato le proporzioni, ho utilizzato il lievito madre al posto del lievito di birra, e due ottime farine della tradizione italiana al posto della normale farina tipo 0 per pane. Si tratta di antiche cultivar, cereali conosciuti da sempre ed utilizzati in ambiti territoriali precisi: il grano solina, coltivato tra le montagne dell'Abruzzo, e il farro, coltivato in Umbria, Marche e Molise. Più volte ho pubblicato ricette di lievitati che prevedono queste farine.

Il risultato è un grissino con una gradevole friabilità, un sapore piuttosto marcato e molto buono, ed anche una buona conservabilità. Ho trovato questa calibratura davvero ottima, e, vi assicuro, i miei assaggiatori di fiducia hanno approvato e  gradito!

L’impasto è lo stesso per i grissini e i fiorellini, ovviamente i grissini rimangono asciutti, mentre i fiorellini hanno la consistenza di piccoli panini, più morbidi.

Le spezie, i semi e le erbe aromatiche donano colore, profumo e gusto, rendendo ogni grissino diverso dagli altri. I fiorellini, tagliati con stampini e colorati anch’essi con lo stesso sistema, sono piccoli bon bon, graziosi da vedere e buoni da gustare. Si prestano ad essere confezionati per un piccolo e originale cadeau.

grissini crudi titolo

PASTA BRIOCHE SALATA

BASE BRIOCHE SALATA CON OLIO EXTRAVERGINE E LIEVITO MADRE

 

Ingredienti:

  • 1000 gr di farina tipo 0 W280
  • 280 gr di pasta madre rinfrescata
  • 500 gr di latte
  • 150 gr di uova (3 uova di media grandezza)
  • 70 gr di olio evo (oppure 100 gr di burro morbido)
  • 15 gr di sale
  • 15 gr di malto in polvere

 

Coprire il LM con la farina setacciata e il malto, spezzettare il lievito e mescolare grossolanamente.

Avviare la planetaria a bassa velocità con la foglia rigida e aggiungere pian piano il latte e le uova.

CRACKERS CON CECI E CREMA TAHIN

crackers titolo

Da tempo volevo realizzare dei crackers con pochi grassi e nello stesso tempo friabili, così ho pensato a questa combinazione di ingredienti.

I ceci lessati donano sapore rendendo i crackers  anche molto nutrienti.

La crema tahin crea un’ottima friabilità, simile a quella che si ottiene quando si utilizza lo strutto, con il vantaggio dell’assenza totale di grassi animali.

Infine i semi di sesamo, in abbinamento alla crema tahin, e il rosmarino, il tocco profumato che rende il cracker molto gradevole e gustoso.

La combinazione di farine da me scelta non è obbligatoria, verna e farro possono essere sostituiti da una farina semintegrale, tipo 2 per esempio, magari macinata a pietra, o da altre che avete in casa e che più vi piacciono.

Bisogna solo essere attenti a regolare l’acqua, le farine assorbono i liquidi in modo molto diverso.

crackers centrale

CASATIELLO CON LIEVITO MADRE

DSC02863

INGREDIENTI

  • IMPASTO BASE

  • 500 gr di farina forte tipo 0

  • 500 gr di farina buratto tipo 2

  • 300 gr di pasta madre rinfrescata

  • 1 cucchiaino di malto d'orzo liquido oppure 10 gr di malto in polvere

  • 530-550 gr di acqua

  • 40 gr di olio extravergine di oliva

  • 1 uovo

  • 7 gr di sale (io lo ometto completamente)

  • SFOGLIATURA

  • 120-150 gr di sugna

  • RIPIENO

  • 120 gr di salumi misti tagliati a pezzetti

  • 100 gr di formaggi misti a pezzetti

  • 80 gr di pecorino grattugiato

  • pepe e aromi a piacere qb (io ho aggiunto semi di finocchio e zeste di limone)

  • 50 gr di semi di zucca, oppure pistacchi a pezzetti (non previsto nella ricetta originale)

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.