UNA CENA INDIMENTICABILE

una cena indimenticabile

Che bella sensazione tornare a scrivere nel mio angolino virtuale, dopo una lunga pausa! Ho tante novità da raccontavi e nuove ricette da condividere.

Le incombenze di fine anno mi hanno tenuta lontana da qui, prendendomi tanto tempo; inoltre un faticoso trasloco ha assorbito le mie forze fisiche e psicologiche per le prime due settimane di luglio. Ma il mese di giugno è stato il più impegnativo ed emozionante per un evento speciale che avevo previsto e programmato già da un po’: il mio saluto alla scuola e ai colleghi in una cornice festosa e conviviale.

una cena indimenticabile 3

La mia scuola si è sempre distinta per l’organizzazione di eventi di vario genere, occasioni preziose di incontro tra insegnanti e famiglie, o anche solo tra insegnanti, o, in alcuni casi, eventi culturali aperti a tutti. In 43 anni di servizio alla ex “Ettore Majorana”, ora “IC Piaget-Majorana”, ho vissuto intensamente la scuola come una seconda casa, identificandomi con la comunità scolastica e cercando, nel mio piccolo, di contribuire al miglioramento dell’offerta culturale.

Dopo quasi tre anni di insegnamento in condizioni anomale a causa della pandemia, tutti noi lavoratori della scuola abbiamo avvertito forte il desiderio di un allentamento delle restrizioni, di una maggiore apertura, di una ripresa delle normali attività, e la voglia prepotente di tornare a creare occasioni gioiose e socializzanti.

L’occasione è arrivata col “pretesto” del mio saluto alla scuola e ai colleghi, e così è stato possibile ripristinare vecchie tradizioni gaudenti e festaiole, come una festa di pensionamento.

Avevo immaginato questa festa come una cena allestita negli spazi esterni della mia scuola, in una cornice semplice ma significativa. Mi sono impegnata personalmente a preparare una parte del menu. Il numero degli invitati mi ha indotta a farmi aiutare dalla bravissima personal chef Cristiana Di Paola, titolare del catering UNA CUOCA PER CASA.

una cena indimenticabile 2

Siamo partite con una programmazione per 80 presenze, che poi sono diventate un centinaio. Sono stata molto contenta della partecipazione di tanti colleghi ed ex colleghi ora in pensione, con cui si è instaurato un rapporto d’amicizia sincera, avendo condiviso con loro anni di lavoro. Ma anche i colleghi più giovani, arrivati da pochi anni o addirittura quest’anno, mi hanno dimostrato tanto affetto. Mi rivolgo direttamente a tutti loro, ringraziandoli:

Carissimi tutti, poche parole per esprimere la mia gioia e soddisfazione per aver trascorso una serata unica e indimenticabile, arricchita dal vostro splendido regalo e da tanti pensieri individuali: il mio ritratto disegnato da Paola, tanti dolcissimi bigliettini, il grembiule da chef, i palloncini... e soprattutto il poemetto di Annamaria, che è riuscita a far sentire la sua presenza forse anche di più. Alcune di voi sono state indispensabili anche nell'organizzazione pratica e nella gestione dell'evento: penso a Mirella, Laura, Cristina, Paola, Irene, Francesca, Jadwiga... ma un po' tutte siete state molto disponibili e mi avete dato una mano, altrimenti non sarei mai riuscita nell'impresa. Grazie Enzo per il lavoro di sommelier! Grazie Maria Grazia per le tante riprese foto e video e per la lettura della lettera! Grazie Laura per i fiori e i confetti! Grazie Chiara per la veste grafica del menu! Grazie Roberta per i tuoi video, si vede l'occhio della professionista! Grazie Mirella per avermi accompagnata e consigliata nella scelta dell'abito! Grazie Marilena per aver egregiamente sostituito la Preside nel coordinamento dei tempi tecnici e nella visione generale del tutto! Grazie Gian Marco per la raffinata scelta e la conduzione della colonna sonora, per me indispensabile a creare un’atmosfera accogliente! Ci sono troppi punti esclamativi, osserverebbero le colleghe di lettere... ma mi partono spontanei!

Ma non voglio raccontare tutto in questo articolo, tale e tanto è stato l’entusiasmo mio e di tutti per questa festa, e soprattutto il calore e l’affetto da cui mi sono sentita circondata. Soprattutto condividerò le stupende e poetiche parole di Annamaria, che ha ricordato momenti bellissimi vissuti insieme e mi ha descritta intessendo meravigliose metafore che alludono alle mie più grandi passioni: la musica e la cucina. Se Annamaria mi darà il permesso, il prossimo articolo sarà dedicato alla sua lettera, che è stata per me un privilegio e sicuramente il più bel regalo per la conclusione del mio percorso professionale. È stata una meravigliosa sensazione che ricorderò sempre!

Ma torniamo all’organizzazione della cena. Ho pensato anzitutto alla forma dell’evento: un buffet con servizio, tavoli e sedie per tutti. La comodità è per me un imperativo, una forma di rispetto e cura per i miei ospiti.

Il caldo intenso del mese di giugno mi ha indotta a inserire preparazioni fresche o al massimo tiepide.

Ecco il menu preparato a quattro mani da me e Cristiana:

MENU

Aperitivi alcolici e analcolici

Appetizer

  • Paté di spigola con sfogliette alle erbe
  • Paté di acciughe con sfogliette all’acqua di pomodoro
  • Dip di pistacchi e feta
  • Babaganoush
  • Hummus di ceci o di fagioli cannellini
  • Pesto trapanese e pesto di zucchine
  • Salse: guacamole, tzatziki, ketchup, salsa allo yogurt
  • Buns alle erbe, al limone, al gusto pizza, alle olive
  • Crackers e grissini con spezie ed erbe aromatiche

Antipasti

  • Quadrotti di tortilla di patate
  • Parmigiana di melanzane in monoporzione
  • Baccalà mantecato in crosta di ceci
  • Torta salata con pomodorini e basilico
  • Torta salata con verdure di stagione
  • Strudel con ricotta di capra ed erbette
  • Frittate di verdure
  • Empanada gallega

Piatti unici

  • Timballo di anelletti alla siciliana
  • Tomato party di Ottolenghi (cous cous ai tre pomodori) con polpettine al limone
  • Corona di riso con pollo al curry
  • Panzanella in forma con ciliegine di bufala
  • Insalata di riso Venere
  • Timballo di riso ripieno con verdure, formaggi e prosciutto
  • Insalata con feta, pomodorini e olive nere
  • Insalata di fagiolini, patate e pomodori
  • Giardiniera

Dessert

  • Spiedini di frutta
  • Fantasia di crostate
  • Savarin con chantilly e frutta fresca

Da brava “Fornarina” (concedetemi questo vezzo!), ho concepito l’aperitivo con tanti tipi di panini da buffet e tante salse o paté. Alcune di queste preparazioni sono già presenti qui nel blog, ma vi prometto di pubblicarne altre.

panini da buffet al gusto pizza bispanini da buffet al gusto pizza

Tra i panini già presenti qui, ci sono i panini al gusto pizza che vedete in foto, in questo caso decorati con un pomodorino al centro, da inserire ovviamente subito dopo la formatura e prima della seconda lievitazione.

panini di semola con salvia e limonepanini di semola con salvia e limone bis

Anche la ricetta dei panini di semola con salvia e limone è già pubblicata qui, solo che la forma è diversa. Devo dire che ci vuole un po’ di pazienza per formare panini piccoli e tutti uguali. In questo caso il peso di ognuno era di 45 grammi, prima della cottura ovviamente.

mini ciabatte alle olivemini ciabatte alle olive bis

Altri panini molto buoni sono le mini ciabatte con olive e semi di finocchio, sempre molto piccole. La ricetta è questa:

  • 1 kg di farina tipo 1 di media forza
  • 200 g di lievito liquido (licoli)
  • 500 g di acqua
  • Emulsione con 80 g di acqua, 80 g di olio, 12 g di sale
  • 200 g di olive verdi e nere (peso netto senza nocciolo)
  • Un cucchiaio di semi di finocchio

Il procedimento è simile a questa ricetta, solo consiglio di spezzettare bene le olive e pestare leggermente i semi di finocchio.

panini al latte con semipane siciliano con curcuma e sesamo nero

Procediamo con i panini al latte, morbidissimi e ricchi di semi dentro e fuori. Questa è una ricetta presente nel blog e ben collaudata.

Anche il pane siciliano con curcuma e sesamo nero è buonissimo e scenografico. Nel blog c’è sia la versione tradizionale, con il video della formatura delle Mafalde, Corone e Occhi di S. Lucia, sia la versione creativa con curcuma e sesamo nero, molto simpatica per il contrasto cromatico. In questo caso ho ridotto di molto le dimensioni anche per ottenere più pezzi.

Per rimanere in tema pane, annessi e connessi, ho preparato anche crackers e grissini, sempre seguendo le ricette presenti in questo blog. Mi piace inserire nel buffet elementi decorativi come le grandi foglie-cracker, che possono fungere da vassoi per altre preparazioni.

Per quanto riguarda le salse e le torte salate che ho preparato io, pian piano pubblicherò le ricette che mancano. Sono già presenti invece il paté di spigola, il ketchup e il dip di pistacchi e feta, molto buoni e stuzzicanti, perfetti per l’aperitivo.

Se vi piace qualche ricetta in particolare, scrivetelo nei commenti, provvederò a pubblicarla quanto prima, con il prosieguo del racconto della mia festa!

una cena indimenticabile 1

Commenti   

# Bontempi 2022-07-20 13:54
Che meraviglioso banchetto e che grandi soddisfazioni cara Maria Teresa.
Ti meriti tutto questo affetto e riconoscenza. Mancherai sicuramente moltissimo a tutti, colleghi e famiglie, ma.... adesso ti abbiamo tutta per noi blogger e so che ti scatenerai con i lieviti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2022-07-27 09:37
Ciao Tiziana, grazie per l'augurio! Spero di avere tempo per le mie passioni, per il momento sono indaffarata con le tante incombenze rimandate al "dopo"... ma prendo tutto con comodo e con sana pigrizia, anzi "otium"!
Un saluto affettuoso e buone vacanze a te!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.