Una cena da sogno - Psiche Arte e Società

sos jung

 

Il numero più recente della rivista Psiche Arte e Società (aprile 2021) contiene il racconto di una cena immaginaria con i Professori Jung e Freud, le rispettive consorti, amici e amiche:

Una cena da sogno (pag 51)

Ho fatto un sogno.

Una cena favolosa, preparata da me per i professori Jung e Freud e per i loro ospiti, studiata in ogni dettaglio, per compiacere gli illustri personaggi, ma anche per esaltare i tratti caratteristici delle loro personalità e per citare eventi significativi della loro vita.

Oltre al menu ricco e vario, in una romantica cornice, non manca dell’ottima musica.

“Zurigo, Hotel Baur Au Lac, 8 dicembre 1908.

Tutto è pronto per la cena qui all’Hotel Baur Au Lac, attendiamo a momenti il prof. Jung e il prof. Freud con le rispettive consorti. Fervono i preparativi, io e la mia brigata abbiamo preparato un menu speciale per i nostri illustri ospiti, consapevoli che il prof. Carl Jung ha gusti ricercati ed è molto esigente. Sappiamo che a casa Jung lavora una bravissima cuoca, perennemente messa alla prova dalle richieste del Professore, raffinato buongustaio capace di riconoscere freschezza e bontà degli ingredienti e correttezza esecutiva delle preparazioni culinarie. Guai a sbagliare, le reazioni del severo dottore sono spesso colleriche e incontrollate! Come quella volta che, insoddisfatto di una torta acquistata in una pasticceria di Schmerikon, un paese vicino a Bollingen, la riportò indietro e la lanciò verso il soffitto!

La cena verrà servita nella veranda tonda, riservata in esclusiva all’occasione. Da questo posto privilegiato si gode una magnifica vista del lago, particolarmente suggestiva in versione notturna. Sarà presente anche la Signorina Minna Bernays, sorella della moglie di Sigmund Freud, Martha, e quindi cognata del padre della psicoanalisi. Ci sarà inoltre un sesto commensale, e abbiamo buoni motivi di credere che si tratti della signorina Sabina Spielrein, studentessa di medicina all’Università di Zurigo, collaboratrice ed ex paziente di Jung al Burghölzii. I coniugi Jung hanno avuto da poco un figlio maschio, Franz, nato dopo due femmine, e questa cena è un’occasione speciale per festeggiare il lieto evento per così dire… in famiglia.

Per la mise en place abbiamo scelto il servizio italiano di tovaglie e tovaglioli di damascato di lino azzurro a lavorazione jaquard, proveniente dalle tessiture umbre di Montefalco; il nostro più pregiato servizio di piatti di porcellana ungherese Herend; alzatine e candelabri di porcellana Royal Copenaghen, dai caratteristici motivi monocromi sui toni del blu; i raffinati bicchieri di cristallo francese Lalique e le posate d’argento dorato di manifattura francese di Christofle. …”

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.